la crescita, un vero affare …


§

5747

Oggi la crescita è un affare redditizio solo a patto di farne sopportare il peso e il prezzo alla natura, alle generazioni future, alla salute dei consumatori, alle condizioni di lavoro degli operai e, soprattutto, ai paesi del Sud.

Serge Latouche

§

Immagine e testo tratti da
Ragione Critica

§

ineccepibile analisi


§

5745

Consideriamo adesso le società arretrate che oggi cercano di industrializzarsi.
Se ci riescono, chi impedirà loro, nel disperato sforzo di mettersi alla pari e di restarci, di sprecare le risorse insostituibili del nostro pianeta, con la stessa stupida vanità che hanno mostrato, e tuttora mostrano, quelli che li hanno preceduti nella corsa?

Aldous Huxley

§

Immagine e testo tratti da  Ragione Critica

§

Molti anni fa il buon Aldous già vedeva lontano … molto lontano; una visione anticipata ma perfetta della realtà.
Son passati parecchi anni ed oggi sono troppi quelli che ancora non la ‘vedono’ affatto …
e dire che basterebbe aprire gli occhi …

§

si, bisogna proprio controllare l’interprete …


§

5743

La nostra mente, col suo ininterrotto chiacchierìo,
è in definitiva l’interprete della nostra vita.
Tuttavia, bisogna controllare l’interprete…
poiché ciò che non controlliamo, ci controlla.

(© Marisa Haltiner)

§

Immagine e testo tratti da  Il Portale Interiore

§

Giornata della memoria (in versione integrale)


§

 

 

Questa presentazione richiede JavaScript.

Giornata della memoria

Il maresciallo Rodolfo Graziani massacra la Libia, occupata e seviziata dal 2011, e uccide seicentomila libici, tra civili e partigiani della resistenza, un terzo della popolazione, brucia centinaia di villaggi, bombarda centri abitati e carovane, avvelena i pozzi, impicca centinaia di libici, tra cui l’ottantenne leader della Resistenza, Omar al Mukhtar.

Gli Stati Uniti, dal 1945 ad oggi, iniziando con l’invasione della Corea e poi del Vietnam e poi proseguendo con la storica media di una guerra d’aggressione all’anno, con colpi di Stato, guerre civili innescate ad arte, sanzioni genocide, uccidono 50 milioni di persone nel mondo. Nel solo Vietnam sono uccisi 3 milioni di civili, mentre gli effetti del napalm e dell’agente Orange continuano a far nascere e morire decine di migliaia di bambini deformi.

Re Leopoldo del Belgio, occupante colonialista del Congo, provoca la morte di 20 milioni di congolesi. Il genocidio prosegue nel ‘900 per opera di fantocci dell’Occidente e delle multinazionali che controllano i territori delle risorse mineraria attraverso l’intervento del protettorato franco-statunitense del Ruanda e l’uso di milizie tribali.

Mussolini, nella guerra d’Etiopia, fa uccidere da Graziani e Badoglio 280mila abissini, 5 milioni di buoi, 7 milioni di ovini,1 milione di cavalli, 700mila cammelli. Vengono bruciate 2000 chiese e distrutte 525mila case e capanne. L’Italia perde 4.350 militari coscritti o volontari.

Per assicurare all’Italia Trento e Trieste, che l’Austria è pronta a cedere se l’Italia non dovesse entrare in guerra, e colonizzare il Sud Tirolo, il potere industriale e bancario italiano commissiona al governo Salandra e al re Vittorio Emanuele III l’ingresso in guerra. Cadono 600mila italiani, perlopiù contadini e operai, molti fucilati dai propri ufficiali. Scompare una generazione.

Nella guerra d’Algeria il regime colonialista francese rinchiude 3 milioni di algerini in campi di concentramento della tortura e dello stupro. 1 milione di algerini, su 10 milioni scarsi di abitanti. viene ucciso.

1 milione di tedeschi antinazisti vengnono uccisi dal regime tra il 1933 e il 1940

Vogliamo parlare di Palestina 1945-2019?

Ci fermiamo qui, con un pensiero al bambino che, OGGI, ogni 3 secondi muore di fame e malattia nel mondo per il modo di gestire l’umanità da parte dell’Occidente (il primo servizio su questo infanticidio planetario del capitalismo lo feci nel 1992 per il TG3).

Fulvio Grimaldi

§

Immagini e testo tratti da    Fulvio Grimaldi

§

E vogliamo aggiungere anche le immani stragi dei nativi perpetrate in alcuni continenti sparsi per il globo ???

§

5742

§

il giorno della memoria


§

Mi sembra più doveroso celebrare questa giornata, non dovremo mai dimenticare.
Ma lo voglio fare con una piccola (ma importante) annotazione.
Seppur tremendo ed aberrante, tutto quello che milioni di ebrei hanno dovuto subire nel passato non può e non potrà mai giustificare quello che lo Stato di Israele sta facendo da oltre mezzo secolo (nel totale e colpevole silenzio di quasi tutto il resto del mondo)…

§

§

La pubblicità e il mondo accademico stanno controllando i nostri pensieri. Non lo sapevi?


§

Leggi qui l’articolo >>>  La pubblicità e il mondo accademico stanno controllando i nostri pensieri. Non lo sapevi? – Come Don Chisciotte – Controinformazione – Informazione alternativa

§

In effetti qualcosina l’ho intuita già da parecchio tempo …

§

tra altri vent’anni …


§

5733

Nel giro di una ventina d’anni siamo passati dall’orrore e dalle polemiche per la clonazione di una pecora, alla serena esultanza per quella di cinque scimmiette fatte nascere appositamente malate e “potenzialmente in grado di contrarre molte altre patologie” su cui concentrare i nostri fantastici studi.
L’uomo che, in questo tempo, progetta e produce in laboratorio esseri viventi destinati inesorabilmente a soffrire, è per caso lo stesso che, da millenni, è tormentato dall’insolubile problema dell’origine del male?
È lo stesso che non ce la fa, che non riesce proprio a concepirlo, un dio così spietato e ingiusto da averlo creato per poi abbandonarlo in un mondo di malattia, di dolore e di morte?
Quest’uomo così cinico e spietato, questo glaciale automa concentrato solo sulle sue folli priorità, davvero si crede ancora nella posizione di reclamar salute, gioia e felicità, come “conditio sine qua non” per continuare ad aver fede nel suo dio?
Mah. Trovo tutto così inquietante…
E al solo pensiero di quel che, noi uomini, avremo il coraggio di combinare tra altri vent’anni…
Beh: mi passa di colpo la voglia di esserci.

BoscoCeduo – La pagina di Pietro Ratto

§

Immagine e testo tratti da     Ragione Critica

§

la sobrietà


§

5732

La sobrietà non è soltanto una virtù di cui il sistema economico e produttivo basato sulla crescita del prodotto interno lordo ha voluto cancellare accuratamente ogni traccia perché non se ne serbasse nemmeno la memoria nel giro di una generazione, ma è, soprattutto una manifestazione di intelligenza e di autonomia di pensiero.

Maurizio Pallante

§

Immagine e testo tratti da  Ragione Critica

§

Sono 12 mila anni che l’umanità si nutre di frumento senza problemi, ma ecco di colpo l’emergenza “intolleranza al glutine” …


§

leggi qui l’articolo >>>  IL SAPERE E’ POTERE 2: Sono 12 mila anni che l’umanità si nutre di frumento senza problemi, ma ecco di colpo l’emergenza “intolleranza al glutine” … le cause? Chiedetele alla Monsanto!

§

Io non ho così tanti anni ma qualcuno si e ricordo bene che quando ero giovane non ho mai sentito parlare di intolleranza al glutine o celiachia … e si mangiava tanto pane e tanta pasta.

§

per conoscere se stessi


§

5730

Un buon sistema per conoscere se stessi è anche quello di scartare tutto ciò che noi non siamo, ma che ci è rimasto addosso perché assimilato dall’ambiente.
All’atto pratico si tratta di un certo numero di cattive abitudini, anche di pensiero, e false convinzioni che abbiamo accettato per adattarci all’ambiente.
Eliminata questa sovrastruttura è più facile risalire alla nostra vera essenza e ai nostri veri valori.

(© Marisa Haltiner)

§

Immagine e testo tratti da  Il Portale Interiore

§