il Controllo (e le sue conseguenze)


§

5265

“Il sistema in cui viviamo ha delle regole e una modalità di inculcarcele, queste regole hanno un unico scopo: “il Controllo”.
Siamo diventati schiavi che difendono i loro padroni, pronti a batterci per un sistema, per ideali che non solo non sono nostri, ma non ci appartengono naturalmente, che sono artificiali; ci battiamo e difendiamo il mondo che conosciamo perché essere sotto controllo ci da il vantaggio di non essere mai responsabili di quello che facciamo.
L’uomo è principalmente schiavo di se stesso, delle sue paure, delle sue abitudini, dell’invidia, dei complessi, del bisogno di considerazione, teme fortemente il giudizio altrui, ed è privo di un autentica individualità … perché?
Perché così è come è stato educato, così è come l’intera umanità è stata educata.
Vanità e Orgoglio, Orgoglio e Vanità … siamo tutti solo alla ricerca di uno svago che ci faccia dimenticare le nostre pene.
La cosa più triste è che siamo noi stessi a renderci amara la vita, perché non capiamo che è il risveglio della “coscienza” la nostra vera liberazione; accettiamo che il sistema ci renda schiavi di cose superflue, che ci dica come vestire, cosa comprare, cosa mangiare, cosa fumare, dove andare, cosa pensare… in poche parole: “Condotta Gregaria”.
Il punto è che se non cerchiamo una via di scampo, che non sia l’effimera evasione del Sabato sera, siamo già morti, e così, siamo già morti.”

(Rocco Bruno – Matrix, Una Parabola Moderna)

§

Immagine e testo tratti da  La vita oltre lo specchio.

§

 

la chiave sei tu


§

5263

“La chiave sei TU”
Mi rincresce vederti indossare molteplici maschere intercambiabili,
un burattino assoldato da un padrone sorridente,
triste realtà che non perdona chi si è perso,
i tuoi gesti indotti manifestano il tuo essere schiavo,
la tua mente schiava non vede,
incantesimo antico ti avvolge in queste catene dell’anima,
io ti tengo la mano in questo gioco perverso,
la chiave è nascosta nelle tue tasche,
svegliati uomo il tempo è scaduto,
l’orologio impietoso scandisce il tempo di questo disegno,
cornacchie gracchiando annunciano il lamento,
solo in questa distesa infinita ritrova la tua via,
il vento caldo ti avvolge nel tuo errante cammino

(Carmen Serri)

§

Immagine e testo tratti da    Abbattiamo IL Sistema

§

Come non farsi prendere dallo sconforto?


§

Come non farsi prendere dallo sconforto ?
Diceva Agatha Christie: «Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova» …
e se gli indizi sono centinaia o migliaia 

 

Pensiamo a come i media ci (pseudo)informano su quanto avviene, su come manipolano, alterano, costruiscono o celano le notizie, su come le ‘adattano’ ai loro scopi; pensiamo poi come lo stesso fanno, proprio utilizzando i media, i governanti (le foto che potete vedere sono solo un esempio, ma lampante).
Guardiamo al mondo ed alle azioni dell’Uomo (mirate allo scopo di accumulare denaro e potere); guardiamo come distrugge i suoi simili, gli altri esseri viventi e la sua UNICA casa, come sfrutta senza ritegno persone e risorse e guardiamo come queste azioni vengono mediaticamente manipolate, celate, edulcorate …

57

non penso servano degli esempi per ricordare i vari problemi esistenti nel mondo (ma menzionare Siria e Palestina potrebbe già bastare, come antipasto);
poi, per puro caso, ti trovi causa zapping a finire sulla rete ammiraglia delle tante televisioni di proprietà del fantomatico Cavaliere (senza paura ma con tante, troppe, macchie) e ti rendi conto che nella trasmissione, seguita da milioni di persone, l’argomento che sarà sviscerato con filmati ed ospiti riguarda la guerra all’interno della casa del Grande Fratello a causa del comportamento di una delle ospiti …
non vi dico con che frenesia ho cercato il telecomando (per spegnere).
Ora ditemi voi … come non farsi prendere dallo sconforto ?

PS – la ‘cosa’ non è assolutamente casuale … inutile che ve lo ricordi …
altrettanto inutile dirvi che, nel poco mio guardare la TV, quella trasmissione la conosco e proprio perché la conosco la ‘evito’ …

§

 

Questa presentazione richiede JavaScript.

§

 

che cosa siamo ?


§

5259

“Se un uomo sa essere sincero verso se stesso, non sincero come s’intende abitualmente, ma spietatamente sincero, allora, di fronte alla domanda: “Che cosa sei?” non conterà su una risposta rassicurante.
[…]
Non è strano che le persone dedichino così poca attenzione a se stesse, alla conoscenza di se stesse?
Non è strano che chiudano gli occhi con tanto sciocco compiacimento su ciò che sono realmente, e che passino la vita nella piacevole convinzione di rappresentare qualcosa di prezioso?
Esse si dimenticano di guardare il vuoto insopportabile che si cela dietro la superba facciata creata dal loro autoinganno, e non si rendono conto che questa facciata ha un valore puramente convenzionale.
Le parole di Socrate: “Conosci te stesso” restano il motto di tutti coloro che cercano la vera conoscenza e l’essere.”

G.I. Gurdjieff

§

Immagine e testo tratti da  Realtà, inganno e manipolazione

§

Pensieri in libertà, direi allo stato brado …


§

Pensieri in libertà, direi allo stato brado …
pensieri che si rincorrono e si accavallano.

Ahhh … se avessimo più chilometri …

Parto dalle dalla parola “libertà” tanto utilizzata ieri e dalle considerazioni che i ‘solerti & servili’ Media nostrani esprimono in questi giorni di trattative per la formazione di un Governo italico (sotto l’occhio più che vigile di altre ‘forze’ quali l’Europa ed i Mercati); penso a quello che uno Stato dovrebbe fare per se stesso e per i propri cittadini ma subito mi si affacciano alla memoria tutte le cose che nel recente passato sono state fatte e qualcosa non mi torna: è ormai parecchio che la politica ed i governi non operano negli interessi dei cittadini.

232

Le scelte fatte, le decisioni prese son li a testimoniarlo senza possibilità di dubbi.
Una delle nefandezze più grandi che i politici di quasi tutto il pianeta hanno compiuto (ed i nostri non son stati da meno) è stata quella di ‘vendersi’ a quella ‘elite’ finanziaria che governa ormai a pieno titolo il mondo.
Non ditemi che non avete notato anche voi che vengono salvaguardati più gli interessi di lobbies e multinazionali rispetto a quelli dei cittadini.
Uno dei risultati peggiori di tale atto di sottomissione è davanti agli occhi di tutti (occhi ben chiusi, ovviamente e menti ben ottenebrate, abilmente anestetizzate dai media e dalla pubblicità): la cessione della sovranità monetaria da parte degli Stati alle Banche private (governate appunto da quella ‘elite’).

4324

Tralascio di citare la storia di questa ‘trasformazione’ delle Banche Centrali ma non posso dimenticarne le conseguenze pratiche per le persone;
non posso non notare come questo sia un argomento ‘scomodo’ (quasi un tabù) del tipo “chi tocca i fili muore”, che impedisce ai politici ed ai media non venduti di approfondire e combattere tale condizione;
ben poche voci trattano mediaticamente (per lo più in rete) il grossissimo problema del ‘signoraggio’ bancario con annessi e connessi, è una questione di “massa critica”, piccole voci tollerate proprio per le loro dimensioni e per l’esiguo numero di persone che raggiungono; proviamo ad immaginare se ne parlasse un capo di Stato ed ora proviamo ad immaginare la reazione (una bella dose di ‘democrazia ‘ sarebbe subito ‘esportata’…);

5255

vogliamo parlare poi della questione del ‘debito’?
Direi che occorrerebbero moltissime righe e quindi tralascio anche questo ma penso che tutti abbiamo ben presente che è la gabbia in cui ci hanno rinchiuso da un po’ di anni a questa parte.
E ditemi se la domanda della foto non ve la siete posta anche voi.
E’ chiaro che tutto ciò non è assolutamente casuale ma il risultato di un piano architettato all’uopo (chi volesse approfondire può iniziare le proprie ricerche in rete da 3 semplici, ed all’apparenza innocue, lettere … mettete in sequenza una “N”, poi una “W” ed infine una “O” ed il gioco è fatto); se effettuerete la ricerca che ho appena segnalato troverete subito una definizione che recita “Teoria del complotto” … riflettete su quanto sta succedendo nel mondo da qualche anno a questa parte e poi chiedetevi se si tratta di “teoria” oppure di … “pratica”.

5256

Ed ecco che pensiero rincorre pensiero e mi sovviene a compendio di quanto appena elucubrato un concetto che trovo sia ben rappresentativo della drammatica situazione attuale (che potete vedere nell’immagine a lato) espresso in tempi non sospetti da un personaggio che vorrei non fosse giudicato per la sua connotazione politica ma per … il pensiero espresso, appunto (ed eventualmente, da chi le apprezza, per le sue opere) …
un pensiero di una semplicità disarmante ma illuminante, che poteva fungere da faro per rischiarare il percorso dei politici che da li a qualche anno avrebbero calcato le scene mondiali … invece assolutamente dimenticato.
Un pensiero che strappa quasi un sorriso, subito ricacciato indietro dalla triste drammaticità della realtà in cui siamo ormai obbligati a vivere.
La parte più triste di tutta la faccenda è che questa è l’eredità che purtroppo lascerò ai miei figli ed ai miei nipoti …

§

Liberazione bis


§

5021

OK
la giornata celebrativa della ‘Libertà’ è appena trascorsa.
Da domani (anzi da oggi) vorrei però che si procedesse verso il raggiungimento di una condizione (per tutti) di una libertà vera; non di facciata, non mascherata, non propagandata e, soprattutto, non millantata …non millantata …

 

Questa presentazione richiede JavaScript.

§

 

 

Cosa pensate che sia ? (soluzione)


§

2808

In considerazione che la soluzione alla domanda che vi ho posto è stata data (i miei complimenti a Veronica / Gwen) vi posto subito il seguito che vi avevo preannunciato …

2809

Ecco (con un giochino) una tra le molte possibili dimostrazioni che il nostro cervello è condizionato, che la realtà non è sempre come appare, che occorre sempre guardare le cose da tutte le angolazioni possibili …
a volte una innocua e semplice immagine girata sottosopra, a prima vista, sembra tutt’altro …
avere gli occhi aperti quindi non è sempre sinonimo di “vedere” …

§

 

Liberazione


§

5253

In Italia oggi, 25 aprile, questa parola la sentiremo pronunciare moltissime volte; con fin troppa enfasi e retorica.
Che strani gli esseri umani; combattono altri esseri umani (e sorvoliamo sui motivi), massacrano altri esseri umani (anche donne e bambini), festeggiano la “liberazione” da altri esseri umani …
ciclicamente !!!
Ripetutamente !!!
Senza soluzione di continuità !!!
Nel mondo da sempre … e senza trarre alcun insegnamento dalle proprie azioni, senza riflettere nonostante la gigantesca esperienza accumulata, senza capire l’assurdità del proprio operato.
A questo punto mi sento autorizzato ad avanzare anche seri dubbi sul significato (positivo) che attribuiamo alla parola “umano”; forse è ormai il caso di modificarne l’accezione.
Tutto ciò mi fa riflettere sull’asserzione granitica che la nostra sia una specie ‘evoluta’, ma lo sarà davvero?

2643

Poi mi viene in mente che l’Uomo fa (tafazzianamente) la stessa cosa anche nei confronti del Pianeta che lo ospita e gli permette la vita ed allora i dubbi mi divengono certezze … nessuna vera evoluzione, nessuna crescita spirituale e/o di conoscenza, nessuna conquista tecnologica può essere giustificata dalle reiterate azioni dell’Uomo.
Alla luce di queste considerazioni ben poco valore assume la ricorrenza odierna.
La vera “liberazione” dovrà festeggiarla (se mai lo potrà fare) l’umanità intera, non un singolo popolo o parte di esso (perché ricordiamo che 73 anni fa degli italiani combatterono i tedeschi ma anche altri ‘italiani’).
La vera liberazione (su cui permettetemi però di dubitare fortemente che si verificherà) dovrà essere quella dalla schiavitù e dalle catene mentali, economiche e finanziarie … queste sono le uniche cose a cui l’essere umano dovrebbe fare guerra, con tutte le proprie forze; solo il risveglio delle coscienze potrà portare ad una vera liberazione.
Se non si eliminano le divisioni, lo sfruttamento, l’egoismo, la competizione (a 360°, perché coinvolge religione, economia, politica etc etc) non ci sarà futuro, non ci sarà mai ‘liberazione’.

5252

L’unica possibilità di futuro (che non può prescindere dalla salvaguardia del Pianeta) è fondata sulla cooperazione e sulla salvaguardia dei propri figli.
E a coloro che determinano con le loro azioni ed il loro potere (fasullo) le sorti del mondo vorrei (in questa ottica) solo mostrare la foto a lato; anzi a quella citazione io aggiungerei anche di provare a non bere e non mangiare mentre si adoperano esclusivamente nell’intento di accumulare appunto soldi e potere.

Buona ‘Liberazione’ a tutti …

§

 

Un Mondo migliore


§

5251

Siete sicuri che la società attuale abbia prodotto sviluppo e progresso?

Figlio di una Patria Perduta ! ! !
Io sono figlio di quel mondo che voi avete assassinato, sono il discendente di quel popolo che avete brutalmente perseguitato, umiliato e distrutto; sono sopravvissuto e oggi sono qui, vivo sulla terra che una volta apparteneva alla mia gente, vivo in mezzo a voi, respiro l’aria che un tempo respiravano i miei fratelli.

Oggi siamo rimasti in pochi, voi siete in tanti, vi definite americani, anche più americani di me, noi per voi eravamo selvaggi … ma guardatevi ora, guardate come avete plasmato questo continente una volta ridente, in pace con se stesso, verde, rigoglioso e puro, adesso triste, sporco di denaro, di cemento e di acciaio.

Ora ditemi chi è più selvaggio, tra chi c’era prima e chi c’è oggi…

Aloysios Dreaming Bear – discendente Lakota

§

Immagine e testo tratti da  Un Mondo Migliore

§

Si … direi proprio che un Mondo migliore ERA possibile …

§