Eja Eja Eja distanziamento


il Simplicissimus

distanziamentoViviamo in un tempo e in una società in disfacimento nella quale per sopravvivere come esseri umani decenti dobbiamo attaccarci ai brandelli di civiltà rimasti dopo il lento naufragio, trasformare in retorica di cartone le idee di un tempo e prendere per buona ogni tipo di menzogna mentre ce ne raccontiamo altrettante: capire ci spalancherebbe il baratro davanti ai piedi ed è ciò che evitiamo perché fino a che il funambolo non vede il vuoto rimane in equilibrio. Insomma il nostro sforzo maggiore è di non sapere, qualcosa che per esempio emerge prepotente davanti a casi come quello di Silvia – Aisha nel quale i termini delle normali equazioni sono stati rimescolati  così che Islam, terrorismo, occidente, libertà, cooperazione, ostaggio e via dicendo non hanno potuto essere ricomposti nei modi consueti provocando una scossa cognitiva, non elaborata, ma  subito archiviata.

Soprattutto accettiamo le parole che vengono sparate nel discorso pubblico…

View original post 559 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.