Il presente è l’unico tempo a nostra disposizione …


§

“Già nel I secolo a.C. con il suo celebre ‘Carpe diem’ il poeta latino Orazio sottolineava l’importanza di vivere pienamente l’istante presente, l’unico modo per vivere una vita senza rimpianti né rimorsi.
Ma che cosa significa davvero cogliere l’attimo? Vivere il momento presente?
Significa esserci totalmente, essere completamente presenti a se stessi in ogni situazione, vivere calati nel qui ed ora.
Sì, lo so…è più facile a dirsi che a farsi, infatti, la maggior parte delle persone, sopratutto in Occidente, è abituata a trascorrere la propria esistenza pianificando il futuro e crucciandosi per il passato.
Il presente, però, è l’unico tempo a nostra disposizione e la serenità comincia proprio da qui.
Molte delle situazioni di disagio psicologico che le persone si trovano sempre più spesso ad affrontare, nascono proprio da un’errata percezione del tempo, ossia dalla tendenza comune a identificarsi in un tempo diverso dalla realtà del momento presente.
Il risultato di questo “vagare nel tempo” molto spesso si tramuta in paura, ansietà, impazienza, frustrazione, rimpianto, colpa, rabbia e stress.
Vivi il presente, cogli l’attimo, segui l’onda, lasciati trasportare dal flusso, vivi il qui ed ora.”
[…]

(Meister Eckart)

§

Testo ed immagine (clicca qui per visualizzarla)
tratti da  Realtà, inganno e manipolazione

§

Le cose che possiedi …


§

“Abbiamo costruito un sistema che ci persuade a spendere il denaro che non abbiamo in cose che non ci servono per creare impressioni che non dureranno su persone che non ci interessano.
La pubblicità ha spinto la gente ad affannarsi per comperare automobili e vestiti di cui non ha bisogno. Intere generazioni hanno svolto lavori che detestavano solo per comperare cose di cui non hanno veramente bisogno.

Le cose che possiedi, finiscono col possederti.”

(Chuck Palahniuk)

§

Testo ed immagine (clicca qui per visualizzarla)
tratti da  Realtà, inganno e manipolazione

§

Allora …

“Abbiamo costruito un sistema che ci persuade a spendere il denaro che non abbiamo in cose che non ci servono, per creare impressioni che non dureranno su persone che non ci interessano.”

(Emile Henry Gauvreay)

Ho appena verificato e questo è un post (sempre di Realtà, inganno e manipolazione) che è stato postato il giorno 8/12/2015, con abbinata la stessa immagine e di cui questo è il link

https://www.facebook.com/LaGrTruffa/photos/a.265843123576766/502541369906939/?type=3&eid=ARAPBJNINZrKJBa8AOfHqsthKiCKSOHb6brmj0LBmnumMtkv9eawruoVUO6xp7tx-z3x3_o_07QEa1u-&xts%5B0%5D=68.ARCxS4t4JWe8wvFn0Jca4YQXAyraQZ0DafpUZvrXbwDLW9CBpJPiwpZ8DgKE2Z2_AyTC1m_Bxm9uryTKbl9ekhQub98m7cegnxbuzrr3ayorpLZtUHe4NxFqgAhda-NPOAMuwjhW8ya6Lr3fj8avUClQpTwrSn-6ZLLebfaD2LAedyIpnFDKXLCvoqhyQPyq0-0iUj8VAPLWXLqmSMOhBxvl6uVkpN_1mWB80sxUKLxakIY_oR5K3_PIZWFz74q2TEi-BtQ80eiB0MSipsBl6e12mqC7tal-PBMM7kxojxqpxUPgLFlgVrcoKEKpQrLjn1J11bpoD1xEKmRPdKFSqNU&tn=EHH-R

quindi la prima frase è di Gauvreay.

Oggi sempre loro hanno postato quello che io ho trascritto che la riporta ma con l’aggiunta di :

“La pubblicità ha spinto questa gente ad affannarsi per automobili e vestiti di cui non hanno bisogno. Intere generazioni hanno svolto lavori che detestavano solo per comperare cose di cui non hanno veramente bisogno.
Le cose che possiedi, finiscono col possederti.”

che è una frase che dovrebbe essere tratta dal romanzo (poi film) “Fight Club”, libro che non ho letto e film che non ho visto …

di sicuro condivido i concetti espressi (a prescindere da chi li ha espressi) e mi scuso se c’è stata qualche imprecisione da me non voluta.

§