il calendario nefasto


§

Secondo l’archeologo Henri Frankfort, il pensiero primitivo «non conosce il tempo come durata uniforme o come successione di momenti qualitativamente indifferenti».

5719

L’esistenza, fuori dal tempo, è un’esistenza calata in un continuo presente, hanno spiegato Gunnel ed Eliade: un presente libero dal passato e non soffocato dall’ossessione del futuro; un presente vissuto nell’immediatezza dei sensi, nell’attenzione dell’esserci costantemente e completamente; un presente ampio e illimitato capace di cogliere il fatto che ogni istante è prezioso e irripetibile. I primitivi, lo ha affermato splendidamente Withrow, non vivono nel tempo: «i primitivi vivono nell’adesso, come tutti noi quando ci divertiamo».
Per frantumare questa partecipazione diretta a una vita goduta nell’adesso, occorreva asservire la coscienza a una pretesa di temporalità; e per imporre una tale pretesa si doveva predisporre uno strumento che visualizzasse l’idea di un tempo seriale, replicabile, capace di tornare meccanicamente su se stesso:
occorreva il calendario.

Enrico Manicardi – Liberi dalla civiltà

§

Immagine e testo tratti da    Mosca Bianca

§

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.