“R”azionale senza filtro


§

5684

Solitamente ci si chiede come sia possibile che tanta gente scelga di fumare nonostante si sappia quanto è nocivo.
Le sigarette contengono una decina di sostanze cancerogene, non danno particolari effetti di rilassamento ed anzi, solitamente il relax che deriva da una sigaretta sta proprio nell’interruzione dell’attesa verso la sigaretta, non nella sigaretta stessa.
Poi si da colpa alla dipendenza delle sostanze, che è sicuramente presente ed altissima, molto sottovalutata.
Non si parla mai di tossicodipendenza per definire questo atteggiamento, questo perché parliamo di un comportamento ricorrente e socialmente accettato.
Di fatto però, questo è.

Io tuttavia credo che quello che bisognerebbe chiedersi è altro.
Quanta alienazione, quanto annichilimento, quanto disagio, quanta oppressione stiamo sperimentando come esseri viventi per essere portati consapevolmente ad avvelenarci per passare il tempo?

§

Immagine e testo tratti da  Mosca Bianca

§

quando sarà quasi impossibile distinguere l’uomo dai robot


§

5682

Il mondo si trasforma in un insieme di prodotti artificiali, senza vita: dal cibo sintetico agli organi artificiali, l’uomo nella sua totalità diventa parte del meccanismo complessivo che egli controlla e dal quale viene simultaneamente controllato.
Non ha un piano, un obiettivo nella vita, tranne fare quel che la logica della tecnica lo determina a fare.
Costruire robot è una delle maggiori aspirazioni della sua mente tecnica, e certi specialisti assicurano che sarà quasi impossibile distinguere i robot dagli esseri viventi.
Un risultato che non sembrerà così sorprendente quando sarà quasi impossibile distinguere l’uomo dai robot.

Erich Fromm

§

Immagine e testo tratti da  Ragione Critica

§