la vita umana secondo Arthur Schopenhauer


§

5560

“È davvero incredibile come insignificante e priva di senso, vista dal di fuori, e come opaca e irriflessiva, vista dal di dentro, trascorra la vita di quasi tutta l’umanità.
La vita umana oscilla tra il dolore prodotto dalla mancanza e la noia prodotta dal conseguimento di qualche appagamento effimero.
È un languido aspirare a soffrire, un sognante traballare attraverso le quattro età della vita fino alla morte.
Gli uomini assomigliano a orologi, che vengono caricati e camminano senza sapere il perché; e ogni volta che viene concepito e generato un uomo, l’orologio della vita umana viene caricato di nuovo, per ripetere ancora, frase per frase e battuta per battuta, con variazioni insignificanti, la sua musica, suonata e risuonata già innumerevoli volte.
Ciascun individuo, ciascun volto umano e ciascuna vita non è che un breve sogno dell’infinito spirito naturale, della permanente volontà di vivere.”

(Arthur Schopenhauer)

§

Immagine e testo tratti da Realtà, inganno e manipolazione

§