sull’amicizia


§

5102

[H. Siemeradzki, “Le torce di Nerone” (1876)]

« Quel che è certo è che il tiranno non ama mai e non viene mai amato.
L’amicizia è un nome sacro, una cosa santa.
Può esistere solo fra persone integre.
Nasce da una stima reciproca e si alimenta non con i favori ma con l’onestà.
Ciò che rende un amico sicuro dell’altro è la consapevolezza della sua integrità.
[…]
Quando i malvagi si radunano, non vi è un’associazione, ma un complotto.
Essi non si amano, ma si temono.
Non sono amici, ma complici. »

Ètienne de la Boétie, “Discorso sulla servitù volontaria”

§

Immagine e testo tratti da  Gazzetta filosofica

§