la Rete


§

Questa favola (l’ennesima ‘depredata’ al buon Bencivenga) non ha assolutamente un risvolto ed una morale a sfondo politico ma, appena ho iniziato la lettura, causa anche la descrizione fatta ed il nome, non ho potuto fare a meno di pensare insistentemente ad un ‘altro’ Italico Cavaliere  …
un ‘Cavaliere’ molto famoso e molto ‘pernicioso’ … 

per la morale penso che ognuno possa trarre quella che preferisce, quella che sente maggiormente vicina;
personalmente dico solo che l’aumento della tecnologia corrisponde immancabilmente ad una diminuzione di ‘umanità’ e che quindi (come per tutte le cose) non bisogna mai esagerare ed eccedere.

Il libro è sempre quello   😉   
Capitolo    LA RETE

4605

“Da qualche tempo, la rete è in avaria.
Tecnici altamente specializzati hanno controllato i cavi, gli interruttori, i tubi catodici e anodici; hanno fatto ripartire il sistema, lo hanno sottoposto ai più raffinati e aggiornati programmi antivirus, antihacker, antispyware; e non sanno capacitarsi.
Tutto sembra in ordine, il che vuol dire che gli elettroni dovrebbero marciare allineati e coperti verso le mete previste, disporsi nell’assetto convenuto e accendere lo schermo con le loro evoluzioni, rischiose magari ma calcolate al milionesimo di millimetro, come quelle delle Frecce Tricolori il giorno della festa nazionale.
Eppure, ogni tanto, una Freccia Tricolore si schianta al suolo e nessuno ne comprende il motivo; e lo stesso sta capitando con la rete.
Uno digita il suo nome di utente, inserisce la password e non accade nulla: gli elettroni giacciono pigri nelle loro orbite, lasciandosene beatamente dondolare. oppure si agitano furiosi saltando qua e là, ma senza costrutto, gettando al massimo qualche misterioso bagliore su uno schermo desolatamente privo di ogni informazione sensata.
Il cavalier Alessio De Mente, studioso di fama rionale, vincitore di numerosi premi nei concorsi ‘Botta e risposta’, ha dichiarato che è tutta colpa dell’anidride carbonica.
Non sono solo le calotte polari a sciogliersi. spiega: anche gli elettroni non possono compiere il loro dovere se la temperatura, l’inquinamento e il prezzo del petrolio non rimangono entro limiti precisi.
Sono saltati tutti i valori, incalza il cavalier De Mente; l’uomo ha violato la natura; non si stupisca dunque e non si adonti (al cavalier De Mente piace molto la parola ‘adontarsi’ e trova sempre il modo di usarla), se le orbite atomiche si ribellano alle aspettative.

4548

Teresina sa che le cose stanno diversamente.
Perché sa che tutto è cominciato dal suo schermo, quando gli altri ancora non davano noia.
C’era questo scambio di messaggi elettronici che lei stava conducendo con un giovane gaucho della Patagonia: aveva parlato di rock progressivo, di pantaloni alla zuava e dell’ultimo modello di telefono cellulare, quello con cui ci si può anche preparare una frittatina per colazione, e stavano cominciando a parlare di come il loro cuore palpitava a ogni nuovo invio, di come fra un invio e l’altro questo scambio rimaneva nei loro pensieri con una costanza allarmante, e forse un giorno uno dei due avrebbe potuto prendere un dirigibile e finire in Patagonia (o viceversa).
Ma a quel punto Teresina si è spaventata, ha spento il computer e non ha più voluto sentire nulla e nessuno.
E gli elettroni hanno reagito.
Il cavalier De Mente e tutti gli altri grandi studiosi che vincono premi hanno un bel dire che gli elettroni si muovono meccanicamente, con assoluta prevedibilità, e che se fanno qualcosa di strano è per via della temperatura e del prezzo del petrolio.
Gli elettroni invece ci vedono, ci ascoltano e cambiano percorso a seconda dell’impressione che gli diamo.
In questo caso hanno avuto l’impressione che Teresina volesse rimanere tranquilla e si sono adeguati.
Poi si sono passati la voce e hanno deciso che, se Teresina deve davvero stare tranquilla, il mondo intero deve rallentare la sua corsa.
Vedrete come si rimetteranno a marciare allineati e coperti, nonostante l’aumento della temperatura, appena Teresina avrà ripreso coraggio.”

§

Un pensiero riguardo “la Rete

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.