probabilmente è una triste verità


§

4517

La civiltà capitalistica ci ha indotto a pensare esclusivamente ai “fatti nostri”:
l’altro non è più né fratello, né amico e neppure prossimo simile a me, piuttosto è un estraneo da evitare e, possibilmente, da schiacciare e sfruttare.

[Don Andrea Gallo]

§

Immagine e testo tratti da  Siamo Quello Che Non Scriviamo

§

 

la Comprensione


§

La comprensione non è un processo intellettuale.
Accumulare le conoscenze su di te e imparare a conoscere se stessi sono due cose diverse, perché la conoscenza accumulata da te è sempre del passato e una mente che è carico del passato è una mente triste.
Imparare su di te non è come imparare una lingua o una tecnologia o nel presente e la conoscenza è sempre in passato, e come la maggior parte di noi vive in passato e sono soddisfatti del passato, la conoscenza diventa straordinariamente importante per noi.
Ecco perché adoriamo gli eruditi, gli intelligenti, gli astuti.
Ma se stai imparando tutto il tempo, imparando ogni minuto, imparando a guardare e ascoltare, imparare a vedere e fare, allora troverete che l’apprendimento è un movimento costante senza il passato.
Se dici che imparerai gradualmente su di te, aggiungendo sempre di più, a poco a poco, non stai studiando ora come tu, ma attraverso la conoscenza acquisita. L’apprendimento implica una grande sensibilità.
Non c’è sensibilità se c’è un’idea, che è del passato, che domina il presente.

§

§

Video e testo tratti da  Abbattiamo IL Sistema 

§

Eh si …


§

Beppe Grillo spiega il Signoraggio Bancario … (quasi 20 anni fa)

Assolutamente e solo “verità” !!!

Una verità taciuta, ovviamente; da molti …
una verità che non potrà mai essere condivisa da una massa critica adeguata perché una cosa simile la impediranno con ogni mezzo …

§

Ogni tanto strappa un sorriso ma quello che ci spiega è la rovina del mondo …

§

§

Stelle & Stellette


§

4516

Ne IL SECONDO DIARIO MINIMO (del 1992) Umberto Eco ci propone l’organizzazione militare di un futuribile esercito intergalattico, affrontata con l’abituale approssimazione burocratica e la supponenza degli alti gradi che, pur non capendo un cavolo, decidono su tutto.

Capitolo   STELLE E STELLETTE

§

“Comando di Stato Maggiore Intergalattico
Casino, Montecarlo
Da Generale Giansaverio Rebaudengo
A tutti i Corpi della Galassia

Ufficiali, Sottufficiali, Soldati, assumo oggi il comando generale e supremo del nostro glorioso Esercito.
Sia la memoria degli eroici combattenti di San Martino e Solferino, del Piave e della Bainsizza, di monito per le nostre future vittorie.
Viva l’Universo!
ps Per celebrare la Festa Galattica del 2 giugno, domenica prossima in zona Gemelli, avverrà un grande Potlatch Bellico.
Il 3° Distaccamento Imenotteri di Sirio si scontrerà con il Battaglione Tuono di Vega.

Firmato Giansaverio Rebaudengo

§

FONO URGENTE
DA COMILITER SIRIO
A STATO MAGGIORE, CASINO

RICORDASI RISPETTOSAMENTE CODESTO COMANDO CHE IMENOTTERI DI SIRIO MISURANO SEI DICESI SEI MILLIMETRI ALTEZZA E DUE DICESI DUE MILLIMETRI CIRCONFERENZA, MENTRE SOLDATI DI VEGA ARRUOLATI IN BATTAGLIONE TUONO SONO RAZZA GARAMANTI PACHIDERMIDI DAL PESO DI OTTO DICESI OTTO TONNELLATE CIASCUNO ALT
RITENIAMO SCONTRO NON REALIZZABILE ANCHE PERCHE’ SCARSA DENSITA’ POPOLAZIONE SIRIO IL 3° DISTACCAMENTO IMENOTTERI CONTA CINQUECENTO DICESI CINQUECENTO UNITA’ MENTRE BATTAGLIONE TUONO DI VEGA CONTA VENTICINQUEMILA UNITA’ ALT

Firmato Generale Bee

§

FONO
DA STATO MAGGIORE
A COMILITER SIRIO

PAROLA IMPOSSIBILE NON ESISTE VOCABOLARIO SOLDATO INTERGALATTICO ALT
PROCEDERE ALT

Firmato Generale Giansaverio Rebaudengo

§

Appunto Riservato
al Generale Giansaverio Rebaudengo

Ci permettiamo far rilevare a Vostra Eccellenza che, nel corso della normale rotazione dei Corpi Intergalattici per il servizio d’onore al Presidente della Federazione, sono stati incaricati per il mese in corso gli Alfieri della Morte di Pegaso.
Questa Amministrazione non disconosce la splendida preparazione militare di questo valorosissimo corpo, ma fa rilevare come gli abitanti di Pegaso siano alti in media diciotto metri; il loro piede misura tre metri per due.
Il fatto che essi siano monopodi non rende meno preoccupante la situazione, dati che detti militi sono costretti a deambulare per salti.
Durante la cerimonia inaugurale per la Fiera del Levante a Bari, la settimana scorsa, una guardia del Presidente ha calpestato inavvertitamente l’Arcivescovo delle Puglie.
Preghiamo pertanto Vostra Eccellenza di provvedere acché la rotazione dei corpi sia accelerata e siano esclusi dal servizio i militari di etnie incommensurabili al formato terrestre.
Il Presidente della Federazione sconsiglia inoltre di far combattere nei Potlatch Bellici i Corridori di Orione.
Tale civiltà avendo sviluppato una forma di trasmigrazione delle anime per metempsicosi, gli Orionidi si avviano alla morte con estrema nonchalance così che ogni scontro in cui si trovano coinvolti si rivela sportivamente sleale.
Al massimo si consiglia di farli combattere con altre unità che abbiano molto sviluppato il senso della sopravvivenza dopo la morte, Guardie Svizzere Vaticane, Fanteria Irlandese, Falange Spagnola, Aviazione Giapponese.

§

Dalla segreteria del Palazzo Federale – La Turbie
Comando si Stato Maggiore
al Presidente della Federazione Intergalattica
La Turbie

Eccellenza, non credo di poter prendere in considerazione i consigli che Ella mi ha inviato tramite segreteria.
I Soldati Intergalattici sono tutti uguali di fronte a questo Comando e non posso ammettere trattamenti di favore o discriminazioni di sorta.
Durante il mio lungo e glorioso passato di soldato non ho mai fatto distinzioni tra ricchi e poveri, calabresi e veneti, alti e bassi.
Ricordo che nel lontano 2482 resistetti alle pressioni di una stampa pietistica e sotterraneamente razzista e inviai in servizio di pattuglia nel Sahara il IV Arpionatori Eschimesi della Terra del Principe Giuseppe.
Quei meravigliosi soldati morirono tutti nel compimento del loro dovere.
Quando un soldato è in divisa non guardo al tonnellaggio.
Sono dolente per l’incidente occorso all’Illustre e Defunto Presule pugliese, ma l’esercito non può deflettere.
Nell’ormai remoto secolo XX centinaia di migliaia di soldati italiani furono inviati con scarpe da tennis sui campi di Russia e non mi risulta che il prestigio degli Alti Comandi ne sia stato intaccato.
La decisione del Comandante fa l’eroismo del soldato. Viva l’Universo!

Firmato Generale Giansaverio Rebaudengo”

§

Nel caso, e come mi auguro, vi facciate quattro risate, appena dopo, provate a pensare quante generazioni ci vorranno per liberarci dalle schiere di tromboni, autoreferenziali, cooptati, incapaci e ruffiani, che già troppi danni hanno fatto e che continuano a fare …
(Cit)

… e non solo nei ranghi militari, ovviamente … 😉

§