l’Opinione generale


§

4499

«Ciò che così si chiama “opinione generale” è, a ben guardare, l’opinione di due o tre persone; e ce ne convinceremmo se potessimo osservare come si forma una tale opinione universalmente valida.
Troveremmo allora che furono in un primo momento due o tre persone ad avere supposto o presentato e affermato tali opinioni, e che si fu così benevoli verso di loro da credere che le avessero davvero esaminate a fondo: il pregiudizio che costoro fossero sufficientemente capaci indusse dapprima alcuni ad accettare anch’essi l’opinione: a questi credettero a loro volta molti altri, ai quali la pigrizia suggerì di credere subito piuttosto che fare faticosi controlli.
Così crebbe di giorno in giorno il novero di tali accoliti pigri e creduloni: infatti, una volta che l’opinione ebbe dalla sua un buon numero di voci, quelli che vennero dopo l’attribuirono al fatto che essa aveva potuto guadagnare a sé quelle voci solo per la fondatezza delle sue ragioni.
I rimanenti, per non passare per teste irrequiete che si ribellano contro opinioni universalmente accettate e per saputelli che vogliono essere più intelligenti del mondo intero, furono costretti ad ammettere ciò che era già da tutti considerato giusto.
A questo punto il consenso divenne un obbligo.
D’ora in poi, i pochi che sono capaci di giudizio sono costretti a tacere e a poter parlare è solo chi è del tutto incapace di avere opinioni e giudizi propri, ed è la semplice eco di opinioni altrui: tuttavia, proprio costoro sono difensori tanto più zelanti e intolleranti di quelle opinioni.
Infatti, in colui che la pensa diversamente, essi odiano non tanto l’opinione diversa che egli professa, quanto l’audacia di voler giudicare da sé, cosa che essi stessi non provano mai a fare, e in cuor loro ne sono consapevoli.
Insomma: a esser capaci di pensare sono pochissimi, ma opinioni vogliono averne tutti. »

Arthur Schopenhauer, “L’arte di ottenere ragione”

§
Immagine e testo tratti da  Gazzetta filosofica

§

Una spietata ma assai veritiera analisi espressa molti anni fa ed oggi ancor più attuale di allora …

§

l’Equivoco ecologico


§

4497

“L’ecologia non è un sistema generico di spiegazione del mondo, ma un procedimento essenzialmente pragmatico, fatto di contestazioni e di puntuali partecipazioni all’istanza della decisione, il cui obiettivo è la lenta riforma dei comportamenti tecnico-economici quotidiani, il progressivo miglioramento del quadro di vita dei paesi industrializzati e la paziente soppressione delle ingiustizie che aggrediscono il Terzo Mondo.
Altri attribuiscono all’ecologia ambizioni più grandi, ma non da un punto di vista pratico e nemmeno teorico.
Poiché l’ecologia si trova all’indefinita frontiera fra forme vecchie e nuove di pensiero, dovrebbe permettere all’umanità di liberarsi della sua eccessiva fiducia nella scienza, nell’economia e nella tecnica, e di rendersi finalmente conto della crescente complessità planetaria del rapporto fra uomo e natura.
Apprendendo sia dagli errori che dai benefici del passato, essa dovrebbe mettere fine al mito del progresso illimitato senza per questo cadere nell’idealismo e nell’inettitudine.
Contemporaneamente scientifica, attiva e umana, l’ecologia dovrebbe generare nell’uomo di scienza, in chi prende le decisioni o nel cittadino una coscienza e delle abitudini nuove, combinando il rispetti della natura e le necessità dell’intelligenza umana.
In una parola, l’ecologia dovrebbe incarnare l’umanesimo del futuro.”

Da: L’EQUIVOCO ECOLOGICO – P, Alphendery, P, Bitoun, Y. Dupont –

§