Parvenza


§

3849

La resipiscenza

So tante le parole, Sua Eminenza,
che fanno rima co’ resipiscenza.
In molte nun ce poi trovà attinenza
perché c’è proprio troppa incongruenza.
Mo ve ne dico una: l’opulenza

parente stretta de concupiscenza.
Ce ne sta ‘n’altra ancora: l’impudenza
che a volte porta come conseguenza
a chi è malato un po’ d’onnipotenza
de fa qualche bojata pe’ imprudenza;

basta ‘na “erre” e scatta ‘na vertenza.
‘N’altra bella pesante è renitenza.
Er capo suo, cui deve l’obbedienza,
condanna tutti i giorni l’indecenza
de chi fa er prete senza avè coerenza

e predica er Vangelo in apparenza
anzi mostrando pure insofferenza
verso chi chiede esami de coscienza.
Quanno de fronte c’è la sofferenza
de chi richiede cure ed assistenza

nun basta blaterà de provvidenza
se nun s’è condivisa l’esperienza.
Per cui è tardiva la munificenza
dopo che ce s’è arresi all’evidenza
de quella vostra augusta residenza

ristrutturata con magnificenza
coi soldi dati pe’ beneficenza.
Ed oltretutto, detto in confidenza,
dovrebbe ancora dà la differenza…

Marazico – 2015

§§§

Resipiscènza s. f. [dal lat. Tardo resipiscentia, der. Di resipiscens -entis «resipiscente»], letter. – Il rinsavire e il ravvedersi, riconoscendo l’errore in cui si è caduti, tornando al retto operare
(cit. Vocabolario Treccani)

P.S. Ma poi com’è andata a finire?
CI si dimentica di tutto.

§

foto e testo tratti da  Marazico

§

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...