ma perché son sempre i migliori che se ne vanno ???


§

3525

Abbiamo perso uno dei pochi uomini capaci di essere di riferimento, rispetto a una realtà che non ci viene raccontata come effettivamente è.
Ecco alcuni suoi pensieri …

Da   CRESCETE E PROSTITUITEVI

“Quello che i giovani sanno è quello che vedono, anche perché l’informazione ufficiale sostituisce ad arte o a comando/servizio la realtà vera con quella fittizia (sub specie televisiva).
Sono cambiati gli italiani, specie i giovani cui viene fatto mancare il confronto con il passato, azzerandone la memoria nell’ignoranza e nella passività, almeno intellettuale.
[…]
Viviamo in una società senza meritocrazia in cui il merito non ha né potere (alla lettera) né valore, in una società quindi senza meriti, perché non vengono richiesti o addirittura sono ritenuti un impiccio.
Il modello imperante è questo nulla televisivo in cui essere senza fare, in cui muoversi come in un acquario.
[…]
L’informazione dovrebbe dedicare la giusta attenzione alla raggelante realtà ‘polverizzata’, alla situazione di un’Italia regressivamente analfabetizzata.
Invece che fa ?
Pubblica tabelle, fa finta di preoccuparsi, si sdegna e dimentica in fretta, fino alla ricerca della tabella successiva.
Non approfondisce, non collega, non cerca nessi e spiegazioni, soprattutto non fa nomi, non fa chiamata di correo.
[…]
UNIVERSITAS: etimologicamente e nei secoli ha significato creare le condizioni ‘universali’ complete per la formazione di un giovane.
Oggi, è il contrario, lo si spezzetta a colpi di ‘specializzazioni’, remotissime da quell’uomo ‘intero’ che dovrebbe invece diventare.

Da   DOPO DI LUI IL DILUVIO
Capitolo  FACCE DA CULO, SI’, MA COSTITUZIONALI

Nel tempo in cui i rapporti tra le persone sono solo affidati al denaro e ai tribunali, l’amoralità si è diffusa come un virus nei computers o ancora nelle teste della collettività cancellando il termine ETICA per una parte (ahimé) sempre più consistente di Italiani.
In questo la politica è stata perfetta: ha agito da ‘notaio’ in questa trasformazione/delegittimazione dei valori; non più valori della correttezza, della trasparenza, del rigore con se stessi e con gli altri.”

Ecco la sostanziale differenza tra l’Homo Sapiens e l’Homo Abilis e/o Oeconomicus che, nei fatti, sta distruggendo il pianeta e il concetto di società civilizzata, e di conseguenza, di un mondo realmente CIVILE.
Cosa che quello attuale non è e ci mostra viepiù una società che sta correndo il rischio di morire di banalità.

§

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...