a cena con Barack


§

3500

Il testo che segue è stato scritto da Giorgio Cremaschi (ex sindacalista, di sinistra secondo la desueta classificazione).
Sui suoi trascorsi ci sarebbe anche da discutere con parecchie cose da dire, ma su quello che scrive qui, come non essere d’accordo ?
E’ una analisi molto rispondente (a mio parere) alla verità dei fatti;
una mia personale considerazione aggiuntiva riguarda la’genuinità’ di tale personaggio (e sapere che è stato pure strapagato non fa che diminuire la stima nei suoi confronti e la rabbia nei confrontoi di questo ‘evento’ è il promotore … sinceramente non se ne sentiva la necessità.
Ricordiamo che Obama ha vinto un (stra-NON-meritato) premio Nobel per la pace ma ha fatto sganciare milioni di bombe in giro per il globo;
e ricordiamo pure che è venuto a parlare di cibo un fautore della globalizzazione dopo aver fatto l’impossibile per far attuare un piano diabolico denominato TTIP.
Quello che non ho ben capito è ‘a che titolo’ sia stato invitato.
Sui commensali che aggiungere ?
Viene facile odiare tali personaggi ma, sia ben chiaro, la motivazione non è l’invidia dei loro soldi !
E’ la loro vomitevole arroganza che infastidisce inverosimilmente …

3501

“Oramai il regime politico mediatico ci abitua a sentirci felici della più sfacciata arroganza dei ricchi e del potere.
Se la stampa di oggi fosse stata operativa quando Maria Antonietta suggerì di distribuire brioches al popolo a cui mancava il pane, forse sarebbe riuscita a promuovere la Regina di Francia come una persona sensibile e spiritosa.
Quello che a Milano pagano i tremila ricchi sfacciati e i loro famigliari per sentire mezz’ora di discorso di Obama, corrisponde a ciò che ricevono in un mese gran parte dei pensionati, al doppio di ciò che sempre in mese riceveranno gran parte di coloro che son rimasti in Almaviva, ad un mese di NASPI per il disoccupato che ha la fortuna di prenderla.
Mi fermo qui ma potrei andare avanti un mese.

3502

A me tutto questo sembra una vergogna che annuncia vergogne, ma vedo invece che su tutti i mass media questa offesa ai poveri viene presentata come un grande evento progressista.
Obama parlerà per mezz’ora di cibo corretto e rispettoso ad una platea di persone che han passato il tempo a mangiarsi il nostro Paese.
E prima di parlare a costoro Obama ha fatto qualche assaggino di buona cucina insieme a ai vip dei vip, Marchionne, Montezemolo, Marcegaglia, Della Valle, Renzi, la crème della crème.
Quando i ricchi ed i potenti diventano così sfacciati è perché pensano di poterselo permettere, di aver vinto ogni ambito della lotta di classe contro i poveri, a cui solo resterebbe di ammirare lo sfarzo mentre stringono la cinghia. È il ritorno al Medio Evo cui ci stanno rapidamente portando il capitalismo globale e le sue classi dirigenti, nelle quali destra e sinistra sono solo distinzioni per i gonzi.
La giustizia sociale nel mondo andrà sempre peggio, ed i mass media ci convinceranno che dobbiamo esserne felici, fino a che i ricchi ed i potenti non avranno di nuovo il timore della ghigliottina.
In attesa di quel felice momento lasciatemi almeno esprimere tutto il mio disgusto per la mensa di Obama e per i suoi commensali .
PS: Ho saputo dalla stampa che Obama prenderebbe 35.0000 € per mezz’ora di discorso. 11.600 € al minuto, il più alto costo del lavoro del mondo, davanti ad una platea che quando si parla di lavoro o pensioni è solita dire che non ci sono i soldi…”

Giorgio Cremaschi

§

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...