l’origine del denaro (e non solo …)


§

2868

Il senso della ‘vignetta’ è che, chi ha a cuore la verità, deve continuamente cercare di spiegare ‘l’ovvio’ ai tanti sordo/ciechi che, proprio perché privi di un corretto uso dell’intelletto e, di conseguenza, di onestà, continuano imperterriti a ‘inquinare’ con il loro ‘pensieri’ fondati sul nulla, ogni spazio sociale.
Un esempio ‘classico’ ed esplicativo, è la ‘Economia’, su cui, tutti, da chi ha (o avrebbe) studiato l’argomento, a chi non ci capisce una beata fava, hanno da dire la loro, senza tener conto, come sempre, del principio di causalità e dalla storia che a esso si accompagna.
Inoltre teniamo sempre a mente che quando si parla di Economia non si sta parlando di ‘Finanza’.

Allora pubblichiamo un po’ di ‘ovvio’ traendolo da questo testo:

2843

ANTIMANUALE DI ECONOMIA
(2003) di Bernard Maris

che era un vero intellettuale che si è speso per diffondere e far capire i tanti ‘perché’ incompresi e/o rimossi sia ai ‘professionisti’ che ai ‘dilettanti’ che infestano e impestano il nostro quotidiano;

Capitolo: DA DOVE VIENE IL DENARO ?

“Dal nulla, dal vuoto.
Dal potere di chi lo crea, il Banchiere.
Si può immaginare che un Banchiere disponga di oro, depositato da qualcuno, ma non è questa la vera origine del credito: un banchiere concede crediti perché sa che l’oro, in seguito alla sua attività economica messa in moro dai suoi crediti, entrerà nelle sue casse.
L’ ‘oro’ anticipato dal nostro banchiere è un semplice diritto di proprietà sugli oggetti, sui beni.
Un Banchiere anticipa, per definizione.

2870

Tuttavia, immaginiamo che un Banchiere conceda crediti garantiti da oro sonante.
In tal caso propone biglietti che valgono oro.

Invece di far circolare il proprio oro per finanziare le attività commerciali, i mercanti preferiscono far circolare questo biglietti: rischino meno e hanno sui biglietti la firma prestigiosa del Banchiere che ne garantisce l’equivalenza con l’oro e la possibilità di convertirli in qualsiasi momento nel metallo prezioso.
Di fatto, questo biglietti sono crediti, diritti sui beni, diritti di acquistare formaggio, pane, o i servizi di un avvocato.
La moneta è un credito indeterminato da far valere sulla ricchezza prodotta da una nazione che accetta quella moneta.
Al tempo stesso è un mezzo per ‘liberarsi’ dai debiti nati dallo scambio: io lavoro per te, tu mi devi qualcosa che paghi in moneta e così ti liberi del debito.
Perché la moneta si è distaccata dalla copertura metallica ?
I Banchieri che ricevono i depositi hanno osservato questo particolare: i mercanti, i cambiavalute, quando hanno in mano una banconota di solito non vengono a incassarne la copertura in oro.
Si limitano a dire al loro banchiere:
*Ho in mano un biglietto da 100, segna 100 a mio credito.
So bene che questo biglietto vale 100 di oro, ma vedrò più avanti se venire a chiedere questo oro.
Per ora preferisco lasciarli al sicuro presso di te.*
Così quando io, Banchiere, concedo un credito, so per esperienza che soltanto una piccola parte di questo credito, diciamo il 20%, verrà convertita in oro, da qualcuno che preferisce regolar le sue transazioni in monete d’oro sonante, piuttosto che in moneta cartacea.
Facciamo un piccolo calcolo.
Ho 100 monete d’oro depositate nelle mie casse.
Valore: 1 fiorino ciascuna, 100 in totale.
Quanta moneta cartacea, quanti biglietti posso emettere sapendo che soltanto il 20% sarà regolato in monete d’oro da 1 fiorino?
Risposta: 500.
Infatti, se emetto 500 fiorini di carta e so che soltanto il 20% di questi fiorini carta (ossia 100) sarà convertito in fiorini oro, sono coperto: ho in cassa 100 fiorini e posso garantire la conversione.
[…]

CREAZIONE E DISTRUZIONE DELLA MONETA

L’emissione monetaria si basa dunque su questo principio fondamentale: se emetto un titolo di credito di valore 100 e so che quel credito verrà in gran parte depositato presso la mia banca, posso espandere il credito molto al di là dello stock d’oro di cui dispongo.
Questo meccanismo è descritto dalla massima ‘I prestiti creano i depositi’*.

E’ il credito che crea i depositi, cioè moneta.
E non il contrario !
Ne tengano conto quanti pensano che il risparmio crei moneta.
Che controsenso economico !
Teniamo presente che la creazione di moneta mette in moto le forze economiche (lavoro, materie prime, innovazione, tecniche, produzione, consumo) dunque anticipa l’attività economica.
In origine la moneta così creata era garantita da merci, da oro e argento: il metallo costituiva una sorta di copertura assicurativa.
Ma la vera garanzia della creazione monetaria è il fatto di costruire un anticipo sull’attività economica, sul ciclo produzione-consumo.
Occorre, per di più, che questo anticipo si risolva in una operazione sana: ogni creazione monetaria sana porta a un’equivalente distruzione di moneta.
Per esempio, presto denaro a un costruttore di automobili gli apro un credito.
Con questo prestito egli assume gli operai che producono le automobili.
Con il loro salari gli operai comprano le automobili.
Il denaro ritorno al costruttore, il quale a sua volta rimborsa il prestito.
La moneta creata è ugual alla moneta distrutta: l’operazione è sana.
Il credito è stato rimborsato.
Facciamo un altro esempio.
Sono un Banchiere, prevedo lo sviluppo di telefoni portatili wap e agevolo la creazione di imprese che li producono, ma nessuno desidera comprare i telefoni di questa nuova generazione.
In quanto produttore, ho pagato i miei dipendenti, ma questi non vogliono spendere i loro salari per acquistare la mia merce.
Mi trovo quindi nell’incapacità di rimborsare il prestito e il mio debito non si estingue.
La creazione di moneta non è seguita a una distruzione equivalente.
[…]
Ora possiamo percepire meglio la natura della moneta: si tratta di debiti (di credito nei confronti della banca di emissione) che circolano.
Debiti che, se sono sani, devono mettere in moto una attività economica che ne determinerà il rimborso.
Oggi, la moneta è distaccata da qualsiasi supporto materiale: se ne può creare all’infinito.
Perché gli economisti si sono a lungo opposti all’eliminazione della copertura metallica della moneta?
Come fece David Ricardo, per esempio, sostenendo l’adozione della legge di Peel (1844), che ispirò per molto tempo la politica della Banca d’Inghilterra, per cui ogni banconota doveva avere una totale copertura aurea.
Il motivo di quell’opposizione è che gli economisti (dell’epoca eh, quelli di oggi sono tutti pappa e ciccia ndr) non avevano fiducia nella capacità dei banchieri di prevedere l’attività economica.

2869
In Francia, il fallimento della banca creata da John Law distrusse per un secolo la fiducia dei francesi nella moneta cartacea.
Law era un banchiere scozzese che emetteva (con il placet del Re di Francia ndr) banconote garantite dagli scambi della Francia con le prime agenzie commerciali istituite all’estero, specie in Louisiana.
Quando si è cominciato a perdere la fiducia nella riuscita delle iniziative commerciali intraprese in Lousiana e in altre zone, il sistema di credito creato da Law è crollato.
Tutti hanno cercato di sbarazzarsi dei suoi biglietti stampigliati ‘Banque Law’ in cambio di oro.
Ne sono seguiti un fallimento generalizzato e la rovina dei piccoli risparmiatori che come sempre sono gli ultimi a lanciarsi nella festa e i primi ad andare a rotoli.
Ne seguirono disordini pubblici, e l’arricchimento scandaloso degli speculatori che avevano ‘fiutato’ il fallimento del sistema.”

Questi sono ‘fondamentali’ che, spiegando l’ovvio, non hanno la pretesa di spiegare ‘tutto’, perché le situazioni cambiano sempre più velocemente e con una ‘creatività’ da truffatori, che passano il loro tempo a pensare il sistema migliore per fottere il prossimo.
Tra questi, ci sono i ‘cani da tartufo’ che, come dice Maris, fiutano …

Come dite ?
vi vengono in mente parole come ‘derivati’ oppure ‘signoraggio bancario’ ?

Beh … allora vuol dire che siete ‘attenti’ …

Ecco come l’Economia diventa Finanza … con le aberrazioni …

§

§

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...