Diarrea da intercettazioni


§

2538

“Il paese sta tracimando.
Non il Governo soltanto.
Tutto il Paese.
Governo e Opposizione, entrambi Santi, hanno benedetto un decreto legge per bruciare le intercettazioni illegali.
Intercettazioni eretiche.
Roghi in procura.
La prossima volta toccherà ai giudici, non un rogo, basterà una piccola scottatura. La fretta, la rapidità e il consenso politico (unanime) del decreto portano il cittadino a un legittimo sospetto: che le intercettazioni illegali contengano prove di attività illegali.
La domanda da porsi è: ‘E’ legale distruggere prove illegali di atti, se illegali, che riguardano i nostri rappresentanti in Parlamento?’
Se lo chiedi a loro, la risposta è sì.
Senza no e senza se.
Un sì incondizionato.
Ma se non c’è nulla di illegale nei contenuti delle intercettazioni, perché non lasciare invece ai magistrati la decisione se distruggerle o se utilizzarle?
La m…a tracima da tutte le parti.
La paura dei politici di essere sputtanati dalle conversazioni telefoniche è una paura lecita.
Probabilmente molto fondata.
Ma inutile.
Devono stare tranquilli.
L’Italia non è l’Ungheria o la Thailandia.
Qualunque informazione sui politici venisse riportata sui giornali, gli italiani, dopo averla letta, dopo una sana indignazione, vera e vissuta, tirerebbero dritto alla pagina sportiva.
Nessuno si chiede chi ha ordinato (e per ordine di chi ndr) le intercettazioni e ha spiato.
I nomi di Buora e Tavaroli (struttura ‘Radar’ di Telecom ndr) vanno bene per giocarci a biglie.
Al massimo esecutori degli esecutori degli esecutori.
Terzo o quarto livello.
Quelli usati per il lavoro sporco.
Forse qualcuno, all’interno delle istituzioni, dirigeva il gioco.
Il Governo, se ne ha la forza, ma ne dubito, accenda un faro sui mandanti e non un falò sulle intercettazioni.
Il gioco del chi è.
Se non sono i partiti, non è la Telecom diventa improvvisamente uno Stato nello Stato, non è Licio Gelli (per motivi di età), non è la criminalità organizzata (non ne ha bisogno), rimangono i servizi segreti, Bin Laden e l’usciere della Pirelli.
Ed è lui che pagherà per tutti”.

24/09/2006 – Beppe Grillo

Come sempre, gli ‘straordinariamente onesti’ (attendendo diligentemente il terzo o quarto grado di giudizio) partono da lontano e vanno lontano.
Sempre più lontano dai cittadini…
Veramente straordinari …
10 anni e non sembra neppure siano trascorsi.
Se non fosse una ‘vera tragedia’ … ci sarebbe da ridere …

§

Annunci

2 pensieri riguardo “Diarrea da intercettazioni

    1. Premesso che son d’accordo, vorrei però confutare un modo ormai comune di pensare su questo argomento;
      tutti partono dal presupposto di TOGLIERE qualcosa (in questo caso il CALCIO visto come una ‘droga’)
      mai si pensa di AGGIUNGERE qualcosa …
      ed io mi riferisco ad esempio ad una ‘libera ed equa informazione’ (ovviamente ‘fai da te’) + ‘cultura (vera) + capacità di analisi (che deve arrivare dalla scuola) …
      per spiegare ulteriormente ciò ti pongo una domanda :
      io ti sembro sufficientemente ‘preparato’ ed interessato al miglioramento dell’umanità ?
      Ti sembro ‘obnubilato’, il solito “furbetto chiagni & fotti”, il prototipo del mediocre italico medio ???

      (spero che tu risponda di ‘no’ eheheheheheh)

      Eppure …
      son tifoso, ho da almeno un quarto di secolo l’abbonamento alle partite (in casa) e vedo in TV quelle in trasferta della mia squadra … e non è ho saltata una …

      buona domenica Viki 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...