We Shall Overcome


§

§

§

2486

“Ma insomma, è vero che l’Italia assomiglia sempre di più agli USA?

Vediamo.
Nelle elezioni USA (ricordiamo che questo testo è datato 10 anni ndr), dopo anni oscuri, i progressisti battono i conservatori.
E proprio come in Italia, gli eletti progressisti sono a volte conservatori esattamente come i vecchi conservatori.
E ci sono dei pasticci nella procedura elettorale, e i computer non funzionano e Bush, gran rubacchiatore di voti, e Berlusconi gran compratore di consensi, si lamentano.
Ma Bush ammette la sconfitta, mentre Berlusconi ancora rosica.
Rumsfeld si dimette, Previti vuol tornare.
Gli americani hanno più paura del rincaro della benzina che della guerra in Iraq. Gli italiani preferiscono il ritiro dell’Ici al ritiro dall’Iraq.
Gli USA in Iraq combattono e muoiono, gli Italiani muoiono, ma non si sa cosa restano a fare.
Gli USA hanno i servizi segreti più potenti del mondo ma si fanno abbattere le Torri gemelle da venti terroristi che hanno imparato a volare negli aeroclub e sugli ottovolanti (ma oggi sappiamo che è peggio di così … ndr).
L’ItaGlia ha dei servizi segreti costosissimi, li chiama ‘intelligence’, ma ancora non hanno scoperto chi ha messo le bombe e Gelli li ha deviati e presi in giro per anni.
Gli USA cercano la verità sull’attacco al Pentagono, noi su Pio Pompa.
Gli americani adorano e comprano le pistole italiane, le giacche firmate e i nostri spaghetti.
Gli italiani adorano guardare i film americani dove gli italiani sono tutti mafiosi con pistole, spaghetti e giacche italiane.
Noi abbiamo Venezia vera che affonda, loro ne hanno costruita una finta a Las Vegas.
In ItaGlia metà dei negozi hanno scritte in inglese, a New York metà hanno le scritte in italiano.
Gli USA hanno Hillary Clinton e Schwarzenegger, noi la Melandri e Caldaroli.
Loro hanno decine di basi militari in ItaGlia, noi nessuna base in USA, solo trecentomila pizzerie.
Loro abbattono le nostre funivie con i loro aerei, noi non possimo attaccare Diseneyland con i nostri.
Quindi, facendo le somme, siamo pari: grandi similitudini e grandi differenze.
Forse in questo momento la vera differenza è questa:
Da noi cresce la speranza che la vittoria democratica americana migliori la situazione per tutti, mentre cala la speranza che la vittoria dei ‘democratici’ italiani diventi un miglioramento per qualcuno…
Ma per dirla in italiano, we shall overcome”.

09/11/2006 – Beppe Grillo

§
Ironicamente, fotografa impietosamente la realtà (di allora ma anche di oggi) che i ‘bla bla bla’ dei media e dei politici cercano vanamente di tenere nascosta.
Circa la speranza (forse ingenua?), è l’ultima a morire, nonostante, e gli ultimi anni che lo hanno dimostrato, che destra e sinistra ‘pari sono’ …

§

Annunci

7 pensieri riguardo “We Shall Overcome

  1. C’è poco da sperare, non sono ottimista, la “nave Italia” sta per andare a sbattere lentamente contro un iceberg. Non c’è lavoro, una corruzione altissima, no temo il peggio. Finite le pensioni dei genitori e nonni, che sostengono le nuove generazioni…sarà medioevo con tutte le conseguenze. Ciao Claudio!

    Liked by 1 persona

    1. Se il problema fosse solo l’Italia si potrebbe anche avere qualche residua speranza … (con qualche ‘sostanziale’ cambiamento a livello politico)
      Ma visto che il Mondo è ‘avvelenato’ dalla Finanza il pessimismo per il futuro non può che aumentare …
      Ciao Giusy 🙂

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...