La Crisi Morale e Culturale ( parte II° )


§

2163

Sto’ per trascrivere la seconda parte (notevolmente riassunta) del capitolo tratto dal bel libro di Zygmunt Bauman; ( la prima si trova qui )
ma partono ‘spontanee’ delle riflessioni proprio su quest’uomo, lo scienziato sociale, i suoi ‘pensieri’ e sui perché le società, pur avendo osannato e pianto l’uomo e le sue opere, non ne abbiano poi tenuto ‘minimamente’ conto, perseguendo ‘politiche’ mimetizzate da ‘sociali’, ma in realtà riferite soltanto a ‘oligarchie’ che, ad ogni livello, si stanno mangiando il mondo e il pianeta con una bulimia impressionante, senza freni ed autodistruggente.
Ormai è certo che quasi tutte le società stanno da anni pesantemente bluffando;
solo poche, nonostante ciò, si impegnano nei limiti del possibile a mantenere vivo e fattivo il patto sociale sottoscritto con i loro cittadini (penso a Pepe Mujica ad esempio).
Ci sono (pochi) Paesi con persone che vivono in ‘sistemi’ che mediamente funzionano pur, anch’essi, con i loro problemi.

2164

Georg Steiner usava spesso una frase, riferita ai nostri nonni, che recitava:
“La loro ignoranza era il loro privilegio”
a prima vista sembrerebbe una assurdità ma non lo è se si pensa non a quello che noi leggiamo ma a quello che lui ha scritto (saggia e desueta distinzione),
infatti lui intendeva dire che, grazie a quell’ignoranza, essi potevano credere che la confusione nella quale capitava loro di precipitare fosse solo temporanea … significava quindi ‘speranza’.
Tanta acqua è passata sotto i ponti, ed oggi possiamo dire che la confusione è continua, anzi si è accentuata, ma la speranza che possa cambiare qualcosa è praticamente ‘morta e sepolta’.
I perché sono tanti, alcuni noti, altri intuibili.
Se poi, si ricercassero le ‘cause’, cioè il principio di causalità, sarebbe sufficiente leggere le ‘eredità’ lasciateci dai grandi pensatori, tipo Bauman, anche in questo caso, sapendosi districare ovviamente tra un marea di ‘messaggi’, molti dei quali assolutamente INUTILI !!!

PARTE SECONDA

“[…]
Contrariamente alle intenzioni e certamente alle speranze dei promotori del codice etico (l’unico codice etico), la coltivazione della moralità mediante la resa incondizionata alla regola, quale che sia la regola, produce proprio quel nichilismo morale che essi dichiarano di impedire.
Nulla dipende dalla riflessione autonoma del soggetto morale: il legame tra codice e comportamento deve essere, idealmente, non meditato, per escludere la possibilità della devianza.

2165

Tutto dipende, invece, dal monopolio del potere che legifera, perché si ritiene di poter dare agli esseri umani una possibilità di comportarsi moralmente solo neutralizzando, e non incoraggiando, la loro propensione e capacità di giudicare e scegliere in autonomia (e quindi, in teoria, in modo imprevedibile).
Nel momento in cui quel monopolio vacilla e le autorità si moltiplicano, gli individui sono messi di fronte alla necessità di compiere le proprie scelte in base alla propria capacità di giudizio morale, cioè in base a risorse che si ritiene non abbiano o che si sospetta usino erroneamente, e che perciò hanno poche possibilità di svilupparsi.
Questo è ciò che si intende con ‘crisi di valori’ e non può sorprendere che desti allarme.
La ‘crisi dei valori’ così intesa è vista come una grave minaccia della moralità (in realtà, come il suo esatto contrario), soprattutto perché in una simile teoria della moralità, e nella sua applicazione pratica, l’idea della responsabilità autonoma del soggetto morale è assente, quando non è apertamente negata o screditata.

2166

Esplicitamente o indirettamente, una tale teoria definisce i soggetti morali in base alla loro conformità alla regola, e non alla scelta responsabile di una condotta di vita, mentre la pratica della formazione all’osservanza delle norme etiche assicura che il modo di vivere degli individui corrisponda a quella definizione.
Ma la natura della moralità può essere considerata in un’altra prospettiva, che mette al primo posto la responsabilità dell’attore autonomo.
In questa prospettiva, l’abbondanza dei valori concorrenti non appare come il segno di una ‘crisi’, e se una crisi c’è, non fa certo presagire la morte della moralità; piuttosto, annuncia condizioni favorevoli a quegli individui che affrontano il dato di fatto della propria responsabilità inalienabile per le scelte morali.
Una tale ‘crisi’ non è il segno di una terra inospitale per gli Io morali; al contrario, essa indica una situazione propizia alla loro nascita e maturazione: una situazione che più di qualunque altra induce gli individui ad assumersi la responsabilità della propria responsabilità …

2161
Se la molteplicità dei valori che richiedono un giudizio e una scelta è il segno di una ‘crisi dei valori’, allora dobbiamo accettare che tale crisi sia una dimora naturale della moralità: soltanto in quella dimora la libertà, l’autonomia, la responsabilità e il giudizio (le più importanti tra le caratteristiche indispensabili all’Io morale) possono crescere e maturare.
La molteplicità dei valori, da sola, non garantisce che gli Io morali cresceranno e matureranno, ma senza quella molteplicità le probabilità che ciò avvenga sono poche.
Quello che spesso chiamano ‘crisi dei valori’ si rivela, a un esame approfondito, lo ‘stato normale’ o la condizione morale degli esseri umani”.

2200

§

Sui concetti espressi da Bauman, vi propongo allora di fare delle riflessioni:

A) sull’influenza della religione cattolica sul pensiero dei ‘fedeli’, abituatisi ad avere un atteggiamento ‘ipocrita’ sulle questioni morali; ognuno fa il cavolo che gli pare, poi si confessa, e si lava la ‘coscienza’ che non ha.
Quanti di loro sono così ?
A mio parere ‘troppi’ …

2176

§
2162B) A seguire, i più hanno sostituito la ‘moralità’ con il ‘moralismo’ (anche di bassa lega), che imperversa, soprattutto nelle bocche di chi fa le prediche senza avere la minima contezza di ciò che dice rispetto a ciò che fa.
Volete degli esempi ??? Accendete la TV!!! Veramente hanno la faccio come il …

E non si vergognano…
forse perché, molti, direi moltissimi, dei loro connazionali, sono esattamente come loro ???

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...