๐๐จ๐ซ๐ฌ๐ž, ๐๐จ๐ฅ๐ข๐ญ๐ข๐œ๐š, ๐Œ๐ž๐๐ข๐š ๐ž ๐“๐•, ๐„๐ญ๐ข๐œ๐š … (-_-) ๐“๐ซ๐จ๐ฏ๐š๐ญ๐ž ๐ฅ’๐ข๐ง๐ญ๐ซ๐ฎ๐ฌ๐จ …


ยง

1425

Nonostante tutte le previsioni ‘catastrofiche’ che ci hanno profuso i vari ‘esperti’ sui rischi che si correva nel dopo Brexit, nel votare Trump, e nel votare NO, gli indici di borsa mondiali sono ai nuovo record storici.
Distrazioni di massa?
Riescono a condizionare l’immaginario collettivo, portando la gente a fare il contrario di quello che si dovrebbe?
In tanti temono di sรฌ, ricordando la vecchia regola, non scritta, che dice che nel mondo gli uomini si dividono in sole due categorie: chi frega e chi si fa fregare …

1426

ยง

Nel libro LA PRIVATIZZAZIONE DEL MONDO di Jean Ziegler (edito nel 2003) si trovano alcuni pensieri che potrebbero spiegare tutto quanto sta accadendo di questi tempi.

Vi trascrivo uno stralcio:

“Nell’Agosto del 1996 il governo USA comunica una serie di buone notizie: la disoccupazione diminuisce in modo rilevante, l’economia riprende a crescere, la produttivitร  industriale aumenta insieme ai consumi, le esportazioni progrediscono.

1427

Qual’รจ la reazione della borsa di Wall Street ?
Il panico.
I principali titoli industriali cominciano a crollare.
Per gli speculatori, la creazione di migliaia di posti di lavoro รจ un incubo, cosรฌ come la crescita del consumo interno.
Entrambe annunciano una possibile ripresa dell’inflazione e dunque un probabile aumento dei tassi di interesse, con conseguente spostamento dei capitali speculativi dal mercato azionario verso i mercati monetari, le obbligazioni e i municipal bonds (specie di BOT).
Oggi, le banche centrali hanno un solo mezzo per regolare il mercato finanziario: la fissazione dei tassi di interesse.
Ma queste armi sono assolutamente insufficienti, come dimostra il calo della Borsa di Wall Street nel 1996.
A governare il mondo sono le oscure angosce, le ‘intuizioni’, i desideri, le ‘certezze’, il gusto sfrenato per il gioco e per il profitto degli operatori di borsa (e dei loro mandanti ndr).
Nel corso di ogni giorno lavorativo del 2001, sono stati scambiati circa 1000 miliardi di dollari.
Di questa somma solo il 13% corrisponde al pagamento di un debito commerciale (cioรจ di una transazione o investimento produttivo), l’87% รจ pura transazione monetaria che non crea nessun valore.

1428

Nel 1919, nel suo L’ETICA PROTESTANTE E LO SPIRITO DEL CAPITALISMO, Max Weber scriveva: “La ricchezza รจ una catena di uomini che creano valore”.
Oggi non รจ piรน cosรฌ.
La ricchezza รจ ormai il frutto delle azioni imprevedibili di speculatori avidi e cinici, ossessionati dal guadagno ad ogni costo, e dalla massimizzazione
del profitto nel piรน breve tempo possibile.
La bolla speculativa si gonfia e l’economia virtuale si sostituisce all’economia reale. […]
L’economia dei ‘padroni’ รจ tanto piรน pericolosa in quanto si richiama a un rigoroso razionalismo e procede tramite un gioco di prestigio che punta a far credere all’equivalenza tra rigore scientifico e rigore delle ‘leggi’ di mercato.
Si torna all’oscurantismo.

1429

Ma questa volta abbiamo a che fare con persone che si richiamano alla ‘ragione’.
A questa pseudo-razionalitร  si deve aggiungere un altro pericolo: rifugiandosi dietro a cieche e anonime ‘leggi del mercato’, la dittatura del capitale impone la visione di un mondo chiuso ed immutabile, rigetta ogni iniziativa umana, ogni azione storica che si radichi nella tradizione sovversiva del non ancora esistente, dell’inconcluso, in breve dell’utopia.
Cosรฌ esclude l’avvenire”.

A questo punto, se avete ben compreso, dovrebbe scattare una domanda, o piรน d’una, legittima: ma la politica dov’era e dov’รจ?
La risposta รจ pleonastica… :-).
In piรน, cittadini si sono ‘beati’ nelle secondo loro, meritate distrazioni, che invece, con un gioco semantico, i potentati hanno trasformato in ‘distrazioni di massa’.

1430

Qui, introduco un testo di Michele Serra, che in uno dei suoi (tanti) libri TUTTI I SANTI GIORNI, scriveva:

“La ricchezza senza cultura รจ il vero immenso scandalo della nostra epoca.
Una ricchezza che smette di produrre cultura, stile, bellezza non ha alcuna giustificazione.
Non รจ neanche piรน ricchezza, รจ solo una sterile crapula, accumulo di quattrini, inutile sfoggio”.

Ma come si รจ potuto verificare tutto ciรฒ, senza che si sia levato un coro di popolo che reclamasse il diritto alla cultura e alla bellezza?
Anche qui, la domanda e retorica, perchรฉ, nel frattempo, il ‘sistema’ aveva messo in atto la sua strategia.
“L’entertainment รจ quello che รจ, volgare e trafelato, come nei villaggi turistici di serie B, anche perchรฉ gli ‘sponsor’ (ma chi saranno mai ย  ย ๐Ÿ™‚ ย  ย ndr) stanno tutti i giorni nei camerini a raccomandare agli intrattenitori di essere ‘popolari’, di ‘piacere’ alla gente.

1431

E’ questa paranoia piaciona, questo ruffiano mortificarsi di gente che magari a casa legge Chatwin (scrittore britannico ndr), ma in Tivu, per essere ‘popolare’, organizza gare di peti.
Sarร  esattamente lo sbocco previsto dagli scienziati del marketing, arci convinti che, siccome le masse petano e non leggono Chatwin, e a suon di peti che le si fa felici”
E da ciรฒ, non puรฒ che nascere il pensiero spazzatura…
“La parola ‘trash’ nacque con un significato preciso e limitato per indicare lo stile di vita di chi cerca di imitare modelli alti non avendone le facoltร  e il talento”.

ยง

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.