Al contrario sul tapis roulant


Noi siamo su un treno che va a mille all’ora e che per sua coerenza interna non solo non si può fermare, ma nemmeno rallentare, deve continuamente aumentare la propria velocità. Sul treno non c’è alcun guidatore e se mai c’è s’illude di controllare i comandi. In realtà il meccanismo va ormai, da tempo, per conto suo. E oltretutto non sappiamo se abbiamo già superato il punto di “non ritorno”. Se cioè anche frenando di colpo eviteremmo il crash finale”.

Noi non dovremmo aumentare la nostra velocità ma diminuirla.

Non dovremmo aumentare la produzione ma ridurla.

Non dovremmo aumentare la crescita ma decrescere.

Ma ormai è troppo tardi.

Sorgente:    Al contrario sul tapis roulant

queste sono le agghiaccianti ma profetiche parole di Friedrich Nietzsche:

“In un angolo remoto dell’universo scintillante e diffuso attraverso infiniti sistemi solari c’era una volta un astro, su cui animali intelligenti scoprirono la conoscenza. Fu il minuto più tracotante e più menzognero della storia del mondo: ma tutto ciò durò soltanto un minuto. Dopo pochi respiri della natura, la stella si irrigidì e gli animali intelligenti dovettero morire.

Quando per loro tutto sarà finito, non sarà avvenuto nulla di notevole.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.