DISPUTA SU DIO E DINTORNI


§

1166

Più volte ho avuto modo di scrivere di non guardare il messaggero ma di prestare attenzione al messaggio; non conta “chi” lo dice ma conta “cosa” dice;
spero che concordiate con me che sia una posizione condivisibile e corretta;
abbiamo avuto modo di parlare di pregiudizi e preconcetti e quanto ho appena detto è proprio un esempio di cosa significhi non tener conto di questi “filtri” deformanti il nostro pensiero;

1167

ecco allora che , in questa ottica, vi voglio proporre come tema di riflessione su un argomento ponderoso quale è “Dio” utilizzando il libro

DISPUTA SU DIO E DINTORNI

scritto a quattro mani da Corrado Augias e Vito Mancuso fine teologo, con una posizione critica, pur essendo un credente, nei confronti della Chiesa, si occupa dell’uomo e della sua spiritualità, di Dio in quanto creatore, ma con una visione, anche se non dichiarata esplicitamente, con un lieve sentore di sapore Spinoziano.
Del primo non ho nessuna stima mentre ne ho del secondo (nonostante sia lui un teologo ed io un ateo) perché è capace di un’analisi approfondita, fatta con la mente aperta e con lo spirito di chi cerca, continuamente, le chiavi per interpretare ‘olisticamente’ le nostre vite incerte e complicate, troppo spesso dedicate non a vivere ma a sopravvivere senza prospettive, né presenti né future.

1168

Il contributo riguarda in concreto un incipit del libro succitato, che è poi la dichiarazione della propria visione della vita, da parte di questo ‘finisssimo’ intellettuale, in contrapposizione al pensiero di Augias, un ateo dichiarato (ahimè, che brutta compagnia ho …) che è tutto meno che un finissimo intellettuale.

“Scopro subito le mie carte.
Non credo che la nostra vita di esseri umani liberi e pensanti sia il risultato di un insondabile colpo di fortuna chimico, ripetuto peraltro milioni di volte nella direzione della crescita della complessità e dell’organizzazione, fino a giungere al livello della coscienza nella mente umana.
Non credo che siamo zingari che vagabondano in un universo inospitale e insensato.
Credo, al contrario. che il nostro corpo e la nostra mente siano il frutto più bello di un’avventura iniziata al momento dell’esplosione del puntino cosmico primordiale (la ‘singolarità’ la chiamano i fisici) 13,7 miliardi di anni fa.

1169

Quando il pensiero religioso parla di creazione intende contrassegnare questo processo evolutivo dell’essere-energia come dotato di direzione, criterio, senso.
E, quindi, intende dire che la nostra vita, che è parte di tale processo, ha a sua volta una direzione, criterio e senso.
E’ in questa prospettiva che io credo che siamo stati ‘creati da un Dio’ e scrivo il termine Dio con la maiuscola per indicare il sommo mistero dell’alfa e dell’omega del tutto.
Se scriviamo in maiuscolo i nostri nomi, come non riservare questo piccolo onore anche all’idea del principio di tutte le cose?
Io credo anche che noi esseri umani siamo fatti a sua immagine e somiglianza. Con questo intendo rimandare alla dimensione spirituale che ci abita, di cui la libertà è il segno più concreto.
Anch’io, di fronte allo spettacolo della vita quotidiana provo talora un senso di insofferenza e, ancora di più, di malinconia, ma da ciò non traggo la conclusione che noi esseri umani non siamo a immagine e a somiglianza di nessuno.

1170

Al contrario, è proprio la consapevolezza della ricchezza che possiamo attingere da tale somiglianza a farmi mestamente considerare quanto spesso usiamo male l’immenso dono della libertà e della dimensione spirituale che essa suppone. (Ricordate, sempre, il Deus sive natura, e dell’amonia della natura ndr)
Diversamente da molti, io credo che la nostra vita sulla terra, oltre ad avere un indubbio significato biologico al servizio della specie (e già non è poco), ne possa avere un altro, di tipo trascendente, nella misura in cui esercitiamo la libertà di cui siamo dotati nella direzione del bene e della giustizia, cioè secondo la medesima logica relazionale ordinata che è alla base di questo universo.
Per questo credo che la nostra vita possa accedere a un’ulteriore dimensione, contrassegnata dalle diverse religioni per lo più come ‘vita eterna’.

1171

La parte di noi che è polvere tornerà, come è giusto, alla polvere; la parte di noi che ha saputo diventare spirito se ne andrà, com’è altrettanto giusto, nella dimensione peculiare dello spirito.
Io non credo che il nostro agire morale debba essere motivato sulla base di principi estrinseci.
Il bene e la giustizia vanno compiuti per se stessi, e non perché dettati dal Bibbia o dalla Chiesa o da ambedue.
Ma proprio questo desiderio del bene e della giustizia per se stessi, e non per obbedire o guadagnare un posto in paradiso, è per me un segno che lo spirito può giungere ad abitare l’essere umano.

1172

E quanto questa ‘inabitazione’ avviene, noi siamo notevolmente più della sola nostra biologia.
Nell’amore incondizionato per il bene e la giustizia c’è un livello dell’essere che la biologia, il ‘gene egoista’, non conosce.
Io credo, infine, che possiamo vivere anche senza un’immagine di Dio inteso come ente esteriore che sovrasta i nostri destini e i nostri comportamenti, un Dio ‘totalmente altro’ rispetto a noi, che abita in una dimensione ‘totalmente altra’ rispetto alla nostra.
Sono convinto che di un Dio tanto lontano ed estraneo sia opportuno liberarsi.
Io me ne sono liberato.
Ma se viviamo secondo la logica del bene e della giustizia, io penso che compiamo il divino che è in noi, e questo, credo, ci apre scenari d’essere inaspettati.
Già in questa vita, e ancor più dopo la morte”.

§

Qui c’è un’elaborazione assolutamente originale di tante riflessioni, ad opera di grandi pensatori, espresse nei secoli, fin dai più antichi, ed affrontate da prospettive e presupposti differenti.

Un pensiero socratico, pervenuto a noi, attraverso Platone:

“La virtù ha il premio in sé medesima”

e ripresa poi

“L’unica ricompensa della virtù è la virtù.” (Ralph Waldo Emerson)

§

PS – anche questo post è scritto a 4 mani    😉   

§

3 pensieri riguardo “DISPUTA SU DIO E DINTORNI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.