DI QUELLO CHE UNO HA


§

Ultimamente ho scritto di svariati argomenti che hanno un comune denominatore che è sempre l’Uomo;
vi ho parlato di Finanza, Economia, Governi, Leggi, Politici, Decrescita felice, Empatia, Musica, Filosofia, Religione, Anima e tanto altro ma sempre correlando l’argomento agli esseri umani (sia in positivo, sia in negativo);

Ovviamente i sentimenti sono una parte essenziale degli Uomini come pure le sue necessità (spirituali e materiali) ed entrambe queste cose condizionano le sue azioni;

929

Normalmente sugli articoli che posto trovano più spazio cose negative e meno cose positive ed occorrerebbe riflettere un po’ su ciò (cosa che ormai nessuno fa più);

ed eccovi allora un testo degli
AFORISMI SULLA SAGGEZZA DEL VIVERE
di Arthur Schopenhauer

Capitolo:    DI QUELLO CHE UNO HA

931

§

“Il grande maestro della felicità, Epicuro, ha suddiviso in modo esemplare i bisogni umani in tre classi.

Primo i naturali e necessari:
sono quelli che, se non soddisfatti, causano dolore. Vi rientrano soltanto victus et amictus (vitto e vestiario). Sono facili da soddisfare.

Secondo, quelli naturali ma non necessari, come il bisogno di soddisfacimento erotico, per quanto Epicuro non ne parli nell’opera di Laerzio (peraltro io qui riproduco la sua dottrina un poco adattata e smussata).
Soddisfare questi bisogni è già più difficile.

Terzo, quelli non naturali e non necessari come il lusso, l’opulenza, il fasto, il lustro: questi bisogni sono infiniti e il loro soddisfacimento è molto difficile.

Determinare i confini dei nostri desideri ragionevoli per quanto riguarda il possedere è difficile, se non impossibile. Perché il soddisfacimento di ciascuno. sotto questo riguardo, non si basa su una grandezza assoluta ma solo su una relativa, cioè il rapporto tra la propria esigenza e il proprio possesso: pertanto quest’ultimo, considerato in sé, è così privo di significato come il numeratore di una frazione priva di denominatore.

933

Un uomo che non si è mai sognato di aspirare a determinati beni, non ne soffre affatto la mancanza, ma anche se ne è privo è completamente soddisfatto; mentre un altro, che possiede cento volte di più, si sente infelice perché gli manca quell’unica cosa a cui aspira.
Anche sotto questo riguardo ognuno ha il proprio orizzonte di ciò che gli è possibile raggiungere: e le sue aspirazioni arrivano fin là.
Quando un qualche obiettivo situato all’interno di questo orizzonte gli si presenta in modo tale che egli può confidare di raggiungerlo, si sente felice; si sente invece infelice quando subentrano difficoltà che gli tolgono la prospettiva di raggiungerlo.

930

Tutto quello che sta fuori da questo campo visivo non ha alcun effetto su di lui.
Perciò le grandi proprietà dei ricchi non inquietano il povero, e d’altra parte il molto che già possiedono non consola il ricco se falliscono le sue mire (la ricchezza somiglia all’acqua di mare: più se ne beve, più aumenta la sete. – Lo stesso vale per la gloria).
[…]
*Nessuni si lamenti di quanto è ignobile:
perché esso è la potenza, checché ti si dica*.
– Wolfgang Goethe – (Divano occidentale-orientale)

934

Chi ha di che vivere di suo avrà per lo più atteggiamenti arroganti: egli è abituato a camminare ‘tete levée’, e non ha appreso tutte quelle arti, forse si vanta pure di qualche talento, di cui dovrebbe invece comprendere la pochezza di fronte al ‘médiocre et rampant’;
egli infine può essere capace di accorgersi dell’inferorità dei suoi superiori; e quando si arriva addirittura all’indegnità, diventa riottoso o ombroso.
In questo modo non si fa strada nel mondo; anzi si può arrivare a dire alla fine, con l’insolente Voltaire: *Nuos n’avons que deux jours à vivre: ce n’est pas la peine de les passer à ramper sous des coquins méprisables*: e purtroppo – sia detto tra parentesi – quel coquin méprisables è un predicato al quale – in questo mondo – si può attribuire a un numero maledettamente alto di soggetti.”

932

(ps: il termine coquin méprisable si può intendere con vari significati:
delinquente, disonesto, porco miserabile. Per chiarezza e precisione)

§

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.